Bambini vegani? L’esperta risponde

dott.ssa Luciana Baroni

Sono sempre di più i genitori che scelgono o vorrebbero scegliere un’alimentazione vegana anche per i propri figli. A volte, però, notizie di stampa o interventi mediatici più o meno qualificati, stigmatizzano la dieta vegana per i bambini, affermando che sarebbe pericolosa per la loro salute.

Abbiamo pertanto intervistato la dott.ssa Luciana Baroni, medico neurologo, geriatra, nutrizionista, esperta di alimentazione vegetariana e vegana, Presidente di Società Scientifica per la Nutrizione Vegetariana, autrice de “Il piatto veg junior”, uscito nel 2016 per le edizioni Sonda, sottoponendole domande e dubbi.

 

-Un bambino può seguire un’alimentazione vegana, ossia senza alcun alimento di origine animale?

Certamente è possibile per tutti i bambini seguire un’alimentazione vegana, coerentemente con la scelta dei genitori. Con il termine “alimentazione vegana” intendo la dieta vegana standard, che include tutti i gruppi alimentari vegetali (cereali, legumi, verdura, frutta, frutta secca e semi oleaginosi, e grassi) senza limitazione alcuna nella varietà e nella preparazione dei cibi stessi né dell’utilizzo di supplementi, che invece caratterizzano delle varianti restrittive di diete a base vegetale, come la dieta macrobiotica, la fruttariana, la crudista e la igienista naturale, impropriamente classificate con il termine “vegan”.

-Può essere pericoloso per la sua salute?

Solo le variati restrittive delle diete a base vegetale (quelle sopra elencate, ossia la dieta macrobiotica, la fruttariana, la crudista e la igienista naturale) possono non essere in grado di fornire al bambino tutti i nutrienti e l’energia necessari, e per tale motivo non sono raccomandate in età pediatrica.

-Come deve essere fatto lo svezzamento se si decide di optare un’alimentazione veg?

Innanzitutto vanno rispettate le richieste del bambino, continuando ad offrire il latte materno (o di formula in sua assenza) e introducendo con calma i vari alimenti vegetali, uno alla volta ogni 2-3 gg, fino ad arrivare a una pappa completa formata da cereali, legumi, verdura, frutta secca/semi e grassi. La fibra va sempre allontanata durante la preparazione dei piatti e la frutta va proposta dopo che il bambino mostra di gradire tutti gli altri cibi offerti. Lo svezzamento non va iniziato prima dei 6 mesi, e il latte materno va mantenuto a discrezione delle richieste del bambino, anche fino ai 2-3 anni se desiderato.

-Vi sono studi a lungo termine sulla salute dei bambini cresciuti seguendo una dieta vegana?

No, al momento questi studi non sono ancora disponibili perché non è passato abbastanza tempo perché i piccoli siano diventati adulti.

-Un bambino veg può rischiare di crescere meno o sviluppare meno muscoli?

Quando la dieta è una dieta vegana standard, che quindi rispetta i fabbisogni del bambino, i piccoli presentano un corretto sviluppo psicomotorio, e hanno una minor incidenza di sovrappeso-obesità, che rappresenta una protezione nei confronti del rischio di obesità in età adulta. E’ possibile visionare i video di veggiechannel sui bambini vegani per convincersene!

-Vi sono delle cautele da seguire comunque nell’alimentazione di un bambino?

E’ necessario sempre, a prescindere dal tipo di alimentazione, che il bambino venga seguito dal pediatra di base che ne verifichi il corretto accrescimento staturo-ponderale. I genitori devono informare il pediatra di quella che è la dieta del bambino e sviluppare con lui una sinergia di azioni. E’ raccomandato che il bambino segua una dieta vegana standard e non le sottovarianti restrittive.

-A chi si può/deve rivolgere un genitore per assicurare al meglio la salute del proprio bambino?

Come dicevo, innanzitutto al pediatra di base. Se questo non dovesse essere disponibile, i genitori possono trovare supporto presso la ReteFamigliaVeg di Società Scientifica per la Nutrizione Vegetariana (www.famigliaveg.it), che riunisce professionisti specificamente formati sull’alimentazione vegetariana, che potranno poi collaborare con il pediatra curante nella gestione del bambino.

Grazie dott.ssa Baroni! E quindi, care mamme e cari papà: sì all’alimentazione vegana per i vostri cuccioli, bilanciata ed integrata, no alle diete restrittive, e sempre – qualunque alimentazione segua il bimbo! – chiedete consiglio ad un pediatra qualificato.

Bambini vegani meravigliosi
SSNV – VeggieChannel

Author: zappomao

Share This Post On

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: