Perché

Vetrine e riviste di moda spesso somigliano ad un inventario di crudeltà: pelli, pellicce, cuoio, seta… Quasi che eleganza, seduzione, allegria e bellezza umane richiedessero per forza il sacrificio di innumerevoli creature.

Ho cominciato a cercare abiti ed accessori cruelty-free per me, girando negozi e setacciando internet. Ho scoperto un altro mondo possibile, fatto di eleganza, amore per gli animali e rispetto per l’ambiente.

Così è nato questo blog: un pò per gioco, un pò per sfida, un pò per amore.

Nella convinzione che la vera Bellezza sia cruelty-free.

P.S.: Non faccio pubblicità, non chiedo e non accetto corrispettivi, in alcuna forma, per gli articoli che scrivo e le segnalazioni che faccio. Quando scrivo di un’azienda o di un prodotto, è perché piace a me, ne condivido la filosofia e voglio supportare la scelta etica di base.

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: